Cuore riparato con una clip negli ospedali GVM

Maria Pia Hospital (GVM, Torino)Maria Pia Hospital (GVM, Torino)
La valvola mitrale

La valvola mitrale

Si sono ridotte quasi della metà il numero di ospedalizzazioni dovute a scompenso cardiaco grazie all’impiego di MitraClip. I dati pubblicati, provenienti sia dai Registri ufficiali che da trials clinici, dimostrano come, grazie all’impiego del device, il numero delle ospedalizzazioni si sia abbassato del 45% e come l’elevato successo della procedura mininvasiva (oltre il 90%) comporti benefici in termini di ospedalizzazione (meno giorni di degenza) e di costi sociali.

Ad oggi nel mondo si contano più di 25mila riparazioni mitraliche con MitraClip e una doppia procedura di riparazione della valvola mitralica con tecnica percutanea mediante MitraClip, è stata eseguita, martedì 5 aprile, dall’équipe di Maria Pia Hospital, ospedale torinese di Alta Specialità GVM Care & Research (Gruppo sanitario italiano con sede a Lugo – Ravenna), guidata dal Dottor Elvis Brscic, Responsabile del Servizio di Emodinamica, che ha visto quale co-operatore dell’intervento il Dottor Fausto Castriota, Coordinatore dei Laboratori di Emodinamica GVM.

A ricevere gli impianti del dispositivo mitralico, i primi applicati in ospedali privati accreditati del Piemonte e in tutto il Nord-Ovest, due pazienti di 66 e 83 anni, affetti da insufficienza mitralica severa in scompenso cardiaco.

“La riparazione mitralica con tecnica percutanea e utilizzo di MitraClip – spiega il Dottor Brscic – rappresenta un’opzione terapeutica consolidata per l’interventistica mininvasiva. Costituisce una valida alternativa, nel trattamento dell’insufficienza mitralica, associata a scompenso cardiaco, in quei pazienti non candidabili alla chirurgia classica a causa di patologie concomitanti, età avanzata, rischio operatorio elevato”.

“Per impiantare il MitraClip – continua Brscic – è sufficiente inserire un catetere nella vena femorale e da qui raggiungere la valvola malata: nel corso di tutta la procedura il cuore continua a battere e pertanto non si fa ricorso alla Circolazione Extracorporea (CEC). La tecnica ha un impatto meno traumatico sui malati e può essere affrontata anche da soggetti con quadro clinico piuttosto complicato (in quasi il 50% dei casi si tratta di persone con più di 75 anni)”.

“Nell’area geografica del Piemonte e della Valle D’Aosta – commenta Carlo Di Giambattista, Amministratore Delegato di Maria Pia Hospital – hanno avviato il programma d’impianti con MitraClip solo due strutture ospedaliere pubbliche. La nostra volontà è quella di mantenere un alto livello di professionalità ed innovazione al servizio del territorio, considerando il ruolo di hub cardiochirurgico per Torino Nord che la Regione Piemonte ci ha assegnato con l’attuale Piano Sanitario”.

(AdnKronos – Ufficio Comunicazione GVM Care & Research)

Be the first to comment on "Cuore riparato con una clip negli ospedali GVM"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*