fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
Gli italiani di domani
Mercoledì, Ottobre 22, 2014
   
Carattere
Banner

Gli italiani di domani

Gli italiani di domani

Scelte, aspettative, timori e progetti di vita degli italiani di domani. Da sabato 24 aprile, ogni sabato e domenica per 5 settimane, su Rainews24 andranno in onda i cortometraggi realizzati dai ragazzi che hanno partecipato al progetto Pillole d'identità, finanziato dal Ministero del Lavoro e delle politiche sociali, per valorizzare le seconde generazioni. Capofila del progetto è il comune di Cesena. Partner: Faenza, Ravenna e Riccione.

Enrico e Carlotta di Cesena, Serge del Benin, Fatiha, tunisina, hanno voluto raccontare come sarebbe addormentarsi una sera e risvegliarsi, il giorno dopo, con la pelle scura.

Souhila, algerina, di fede musulmana, ha voluto parlare di sé e della sua cultura spiegando che il velo che porta in testa ogni giorno la fa sentire libera e protetta, e che è una sua scelta.

Chiara, di Cesena, ha messo in scena una cena a casa sua dove, la piadina, sta nel piatto insieme al cous cous.

Sono solo alcuni dei temi dei cortometraggi che da sabato 24 aprile, per 5 settimane, andranno in onda su Rainews24 alle 10 e alle 19.

Li hanno realizzati, in un anno, con la supervisione dei professionisti di Icaro Tv, 26 ragazzi dai 15 ai 25 anni, italiani e stranieri di seconda generazione. 11 italiani, 4 marocchini, 7 tunisini, 2 albanesi, un macedone, un ucraino e una senegalese, sono figli dei migranti, che parlano e scrivono più lingue, che fanno coincidere l’'essere integrati' col 'sentirsi chiamati' a costruire la società della quale fanno parte. Perché sono in Italia, non per scelta loro, ma non subiscono la decisione dei loro genitori, vogliono 'esserci'. Nei loro cortometraggi di 12 minuti al massimo, hanno voluto raccontare quello che vedono ogni giorno in tv o che leggono sui giornali,e che vivono fuori e dentro casa, spesso in contrasto e sempre in bilico tra una famiglia 'conservatrice' legata alle tradizioni della terra d'origine, anche se lontana, e un Paese nuovo che offre loro una miriade di possibilità. I ragazzi della generazione 2 vanno a scuola, escono con gli amici, fanno volontariato e lavorano. E se gli chiedi da dove vengono, con la faccia stupita per la domanda ti rispondono: "Perché, non si sente che siamo romagnoli?".

Da maggio i cortometraggi andranno in onda anche su Icaro tv.

QuiTG Economia

Sondaggio

Rimini è ancora la Capitale europea del Turismo?

Iscriviti alla nostra mailing list




Banner
Banner

 

 

CSS Valido!

bnr_trib

Direttore Resposabile Marco Valeriani

Credits-Webmaster

SiteMap