fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
> La cucina di Maria - Fichi sciroppati per Ferragosto
Martedì, Dicembre 23, 2014
   
Carattere
Banner

La cucina di Maria - Fichi sciroppati per Ferragosto

FICHI SCIROPPATI PER FERRAGOSTO
Maria Cristina Muccioli, giornalista riminese curiosa delle tradizioni del territorio in cui vive, anche di quelle che si tramandano di madre in figlia attorno ai fornelli delle cucine di casa, è da alcuni mesi una nostra sapiente collaboratrice. A Maria Cristina Muccioli tocca il compito di proporre ai lettori di quiriviera.com delle buone e facili ricette da preparare durante il pranzo della domenica e non solo... Buon assaggio, ghiottoni!

Una ricetta di stagione, che più di stagione non si può. Facile da preparare, anche per chi non è espertissimo di cucina e marmellate: un dessert da consumare subito o, meglio, da tenere in dispensa e proporre fra qualche mese agli amici… ricordando il caldo e il sole dell’estate.

Fichi sciroppati

Ingredienti


4 chili di fichi “tosti”, appena colti, col loro picciolo
1 chilo di zucchero
la buccia di un limone


Preparazione

In un pentolone antiaderente (vanno bene quelli di acciaio col fondo grosso) si mettono quattro chili di fichi interi e belli sodi col loro picciolo, precedentemente lavati e scolati; un chilo di zucchero; la buccia di un limone non trattato (io l’ho tagliata col pelapatate, per non raschiare il bianco); tre bicchieri di acqua. Si lascia sul fuoco finché lo zucchero si è trasformato in sciroppo e i fichi cambiano colore e diventano marroncini. Fate attenzione che non si attacchino al fondo, magari muovete il pentolone ogni tanto o mescolate delicatamente con un lungo cucchiaio di legno. Si mettono ancora caldi nei barattoli di vetro ben puliti, si chiudono e si lasciano raffreddare lentamente (anche due giorni), capovolti e avvolti in vecchi panni o coperte di lana. Si mangiano anche dopo mesi. A me piacciono insieme ai formaggi o sopra le cantarelle. Buoni anche sulla piada calda, magari distesi sopra un leggero strato di stracchino o squacquerone fresco.

Buon appetito!

QuiTG Economia

Sondaggio

Rimini è ancora la Capitale europea del Turismo?

Banner
Banner

 

 

CSS Valido!

bnr_trib

Direttore Resposabile Marco Valeriani

Credits-Webmaster

SiteMap